Il paziente misterioso. Le ragioni del progetto

Alfredo Pagliaro precisa le motivazioni che hanno portato alla nascita del progetto

In relazione ad alcuni commenti critici che sono seguiti alla presentazione del progetto “Il Paziente misterioso” Alfredo Pagliaro precisa le motivazioni che hanno portato alla nascita dello stesso progetto. “E’ necessario un chiarimento per correttezza e per spirito di collaborazione – spiega Pagliaro – e non perché dovuto alla direzione generale e al direttore sanitario della asl. Data la loro disattenzione ho personalmente consegnato il documento fissando con loro la data della presentazione ufficiale a Palazzo Carafa lo scorso 4 giugno. Voglio ribadire che i pazienti (che hanno il diritto di entrare nelle strutture sanitarie in quanto utenti di tali strutture) dovranno verificare la situazione attuale del mondo della sanità a tutela del personale medico e paramedico, che spesso subisce angherie da pazienti ineducati e non riesce a lavorare bene (nonostante la grande professionalità) perché i mezzi a disposizione sono vecchi e mal funzionanti. Inoltre questo progetto è specificamente indirizzato alla tutela del paziente/cittadino che spesso lamenta cattiva accoglienza, spazi angusti, non corretta informazione e reclama maggiore dignità proprio per il suo stato di malato e per la sua sofferenza. Inoltre – conclude – voglio credere alla perfetta buona fede delle associazioni che si dedicano alle necessità del paziente malato e non, per cui le esorto a continuare per la propria strada, sapendo che l’unione fa la forza, nell’unico interesse che è quello della salute del paziente”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment