A Lecce le sorti del mondo

Paolo Perrone è soddisfatto per il summit dei ministri dell'economia al g8

“Il G8 è un fatto storico per Lecce e per l’intero Salento. Dobbiamo essere fieri di un evento che porta questa città all’attenzione dell’opinione pubblica mondiale”. Queste le parole di grande soddisfazione di Paolo Perrone in occasione del summit dei ministri dell’economia e della finanza che si tiene a Lecce oggi. “In un momento in cui il mondo occidentale – continua – è alle prese con una delle crisi peggiori di natura economica che abbia mai conosciuto, diviene assolutamente significativo che Lecce sia il contesto per individuare soluzioni e strategie politiche per combattere questa crisi. I Ministri dell’Economia dei Paesi più importanti del pianeta discuteranno a Lecce delle sorti future di milioni di persone. Centinaia di giornalisti parleranno di Lecce ad ogni angolo del mondo. È un fatto che deve rendere orgogliosi ognuno di noi. Sono personalmente lusingato – prosegue il primo cittadino – del fatto che la nostra città sia stata scelta come sede del summit e va ribadito che non si è trattato di una scelta casuale, dettata unicamente e semplicisticamente dalla bellezza del contesto, ma è stata il risultato di un attento lavoro per così dire diplomatico da parte nostra. Ringraziamo il ministro Tremonti che ha voluto a Lecce il G8, ricambiando con la sua attenzione la nostra disponibilità. È anche da occasioni come questa che transita il riscatto del Mezzogiorno d’Italia. Mi auguro – conclude Paolo Perrone – che i lavori al Castello Carlo V si svolgano al meglio e siano proficui e che nel contempo tutto, nel contorno dell’evento, vada per il verso giusto. È proprio il caso di dire che il futuro passa da qui”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment