Chi parla, chi ha coraggio e chi fa politica

Cosimo Durante, neo consigliere rieletto del Pd, su Lorenzo Ria

Cosimo Durante, neo consigliere rieletto del Pd, così si esprime su Lorenzo Ria: “Non si era visto e non si era sentito in questa campagna elettorale Lorenzo Ria, che colto dalla sindrome dell’esule romano oggi torna ad interessarsi della Provincia di Lecce.” Nessuno come lui conosce bene l’organigramma interno al Partito Democratico per esserci stato dentro fino a qualche settimana addietro, ecco perché a Durante pare ingenerosa e pretestuosa la sua critica. Continua “L’oligarchia a cui Ria si riferisce è forse quella che lo ha fatto diventare e mantenuto per dieci anni presidente della Provincia, o è quella che Egli stesso ha provveduto ad instaurare con una gestione personalistica e decisionista? In attesa che Ria si chiarisca le idee e ci informi, intendiamo solo ricordargli che la tenuta del Partito Democratico nel Salento fa meno notizia del calo del Pdl che non ci sembra abbia ottenuto quell’iniezione di consensi che pure l’on. Ria poteva o doveva portare.” Durante è duro e sottolinea: “La sua fuga nel Pdl non offre al momento spazi di visibilità ed è arrivato il tempo di farsi vedere, sparando addosso al primo che passa per dimostrare di essere un buon tiratore, ma questo non ha a a che fare con l’arte della guerra in politica. Per combattere ci vogliono i voti innanzitutto, perché così funziona le democrazia e soprattutto ci vuole il dialogo e la dialettica interna, quelle che mai Lorenzo Ria ha voluto accettare. Invece la politica è questo: è lealtà e coraggio.” Ha continuato: “Quel coraggio che personalmente credo di aver dimostrato andandomi a confrontare per una difficilissima competizione elettorale come quella per il Parlamento Europeo; quella lealtà che mi vede vicino al mio partito anche dopo la mia mancata elezione ad europarlamentare e dopo una critica, spero costruttiva, al partito democratico in Puglia che aveva forse altre preoccupazioni, diciamo prioritarie.” “Io intanto ho compiuto fino in fondo il mio dovere con le mie sole forze, offrendo un contributo sostanziale alla competizione europea e a quella per le Provinciali. Purtroppo non ho elementi per giudicare il contributo di Lorenzo Ria. E credo che non li abbia nemmeno lui.” Ha concluso Cosimo Durante.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment