Lecce. Centro chiuso per un G8 più sicuro

Chiusure nel centro di Lecce per la sicurezza del G8 e l’accessibilità ai luoghi d’interesse da parte di turisti e visitatori

Un piano della viabilità e misure di tutela da domani interesseranno la città in coincidenza al vertice dei ministri finanziari degli otto paesi più industrializzati in programma sabato e venerdì prossimo nel castello Carlo V: tutti i lavori di riqualificazione urbana sono stati ultimati in tempi da record per accogliere al meglio gli ospiti internazionali. Le micro-aree del centro che verranno vietate al normale transito di vetture e pedoni (Parte di via XXV luglio, viale Marconi, piazza Libertini e un tratto di via tronchese) saranno presidiati e off-limits per i cittadini tranne per i casi di commercianti o residenti dei medesimi posti. Sono inoltre quelle aree che coincidono con le sedi istituzionali del summit, prima fra tutte quella del castello. Altre micro-aree presidiate saranno quelle corrispondenti ai principali alberghi che ospiteranno i ministri, le delegazioni e le personalità partecipanti ai lavori, quindi via Augusto Imperatore, via Vittorio Emanuele II, piazzetta Riccardi, viale Umberto I ed alcune stradine di collegamento che vanno tra il castello e piazza S. Oronzo. Le misure di controllo saranno rigorose ma tuttavia non si è voluto fare di Lecce una città completamente blindata.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!