Fuoco alla pizzeria di San Cataldo

Ancora un attentato nella marina di San Cataldo. Fuoco al portone d’ingresso della pizzeria “Zazza”. Buccoliero punisce il gesto vandalico.

Nella notte, ignoti attentatori hanno dato fuoco al portone d’ingresso della pizzeria “Zazza”, di proprietà di Giuseppe Zanzarella, di 65 anni Circa 2mila euro i danni. Sul posto, sono giunti i carabinieri della compagnia di Lecce, agli ordini del capitano Luigi Imperatore che hanno ascoltato Zazzarella. Il proprietario però non ha fornito dettagli utili, limitandosi a ribadire di non essere mai stato minacciato. “L'ennesimo, grave gesto d'intimidazione ai danni di un esercizio commerciale di San Catalado dimostra come l'attenzione debba essere massima da parte di tutti, perchè la paura non lasci campo libero all'illegalità”. È quanto dichiara Antonio Buccoliero, vice segretario nazionale dei Popolari Udeur e consigliere della Regione Puglia,intervenendo sul fatto. “La preoccupazione è comprensibile – prosegue Buccoliero – ma non deve lasciare spazio all'impotenza e all'arrendevolezza.” Buccoliero si augura che, nel più breve tempo possibile, venga fatta piena luce su questi episodio; tuttavia, l'impegno deve essere unanime affinchè non un solo cittadino o commerciante si senta solo nel necessario percorso di legalità e di trasparenza, che deve riguardare l'intero tessuto economico e finanziario del territorio. “Investire nella sicurezza, ad ogni livello – conclude Buccoliero – è l'unica via possibile per offrire un futuro certo e forte alle nostre comunità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment