Sparatoria ad Arnesano. Tutte le piste aperte

Gli inquirenti propendono verso la tesi che vorrebbe l'episodio legato a fatti di droga; ma non si escludono altre piste, neppure quella passionale

La Fiat Punto cui i nove colpi di pistola esplosi nello scorso week end hanno frantumato i vetri è di Alessio Spedicato, il 24enne ferito in agguato in un bar di Monteroni il 27 aprile scorso. Lo hanno rivelato le indagini della Squadra Mobile di Lecce, partite proprio dai frammenti di vetro rinvenuti accanto ai nove bossoli dei proiettili presso la villa comunale di Arnesano. La vettura è stata posta sotto sequestro e nelle prossime ore sarà materiale di analisi da parte dei militari della Scientifica. Secondo le dichiarazioni dei testimoni, la sparatoria sarebbe avvenuta in seguito ad un inseguimento tra una Renault Twingo ed una moto di grossa cilindrata. Gli occupanti l’auto sono stati già sottoposto agli esami di rito in Questura; mentre chi guidava la moto è fuggito facendo perdere le proprie tracce. Ancora non è possibile ricondurre l’accaduto ad un movente specifico; gli inquirenti sembrano propendere verso la tesi che vorrebbe i due episodi legati a fatti di droga; ma non si escludono altre piste, neppure quella passionale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!