Miss mondo a colpi di idromaratona

Una corsa in mare con acqua a 40 centimetri. L'ultima idea di Gianni Ippoliti per il concorso di bellezza. Vincitrice è stata Susanna Mussi di Genova

Si è svolta nelle cristalline acque dello Jonio – spiaggia complesso turistico ecoresort le Sirenè -, in occasione della finale del concorso di bellezza Miss Mondo Italia 2009 la prima edizione della Idromaratona, la manifestazione sportiva ideata dallo show man Gianni Ippoliti: una corsa in mare con acqua che raggiungeva un'altezza di 40 centimetri. Le 120 finaliste in rappresentanza di tutte le Regioni d'Italia con la loro bellezza sono riuscite a creare una splendida scenografia tra le onde dello Jonio dando un tocco di sportività, originalità e colore al concorso di bellezza. La partenza ed il percorso della Idromaratona come detto si sono sviluppati nello specchio d'acqua antistante la spiaggia dell'ecoresort “Le Sirenè” sul lungomare della città bella tra centinaia di bagnanti incuriositi dall’evento. La vincitrice della prima Idromaratona è stata Susanna Mussi, in gara con il numero 95, ventunenne di Genova nata a Marina di Massa, splendida ed estroversa bellezza mediterranea alta 181 centimetri, occhi castani, studentessa di Medicina presso l'Università di Genova e sportiva nell'anima; gioca a tennis a livello agonista ed è nel ranking internazionale WTA. La bella Susanna ha percorso il tracciato acquatico lungo 500 metri con un tempo di 4 minuti e 13 secondi. E’ stata premiata da Adriana Petrucci, dirigente Pari opportunità del Coni della Provincia Lecce. La manifestazione è stata condotta da Gianni Ippoliti.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!