Progetto Universitas. Vito Corciulo è il sesto presidente

E' stato eletto con oltre due terzi dei voti il presidente dell'associazione universitaria “Progetto Universitas”. Ha 23 anni ed è studente della facoltà di Lettere e Filosofia

E' stato eletto con oltre due terzi dei voti il nuovo presidente dell'associazione universitaria “Progetto Universitas”. L'assemblea, che si è svolta il 26 maggio nella sala conferenze del Rettorato dell'Università del Salento, ha scelto per la prima carica associativa Vito Corciulo, 23 anni, nato a brindisi e studente della facoltà di Lettere e Filosofia. Il nuovo presidente, già vicepresidente e attuale componente del Consiglio degli Studenti e rappresentante al corso di laurea in Lettere, proseguirà l'azione portata avanti fino a oggi dal presidente uscente, Fabrizio Vergori, nella ferma difesa dei diritti di tutti gli studenti universitari e nella promozione di una partecipazione responsabile alla vita universitaria, con l'obiettivo di continuare a creare un contesto esperienziale entro cui è possibile la formazione delle competenze necessarie per una cittadinanza attiva, efficace, responsabile. “Garantirò il massimo impegno nell'esercitare il mio ruolo di impulso e indirizzo politico nel rispetto dei principi e dei valori di libertà, indipendenza che da sempre caratterizzano l'associazione”, ha dichiarato Vito Corciulo. “Auspico un sempre maggiore coinvolgimento degli studenti alla vita universitaria, in quanto solo considerando gli studenti stessi la risorsa più preziosa dell'Università si può valorizzare la vocazione principe di una istituzione che individua nella trasmissione della conoscenza e del confronto e nella crescita culturale i propri tratti fondanti. Ringrazio il presidente uscente, Fabrizio Vergori, che ha svolto un lavoro egregio e sono certo che la sua esperienza sarà fondamentale per proseguire con attenzione e passione le vicende di una delle associazioni storiche dell'Università del Salento, che da oltre dieci anni difende i diritti degli studenti. Il nostro lavoro proseguirà nel segno dell'unità di intenti tra i rappresentanti delle diverse facoltà, con i quali prosegue un lavoro di collaborazione estremamente proficuo”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!