Dalla Provincia 125mila euro per bonifiche

75mila euro per la realizzazione di piccole bonifiche nei Comuni non rivieraschi e 50mila euro per la partecipazione ai costi del depuratore di Corsano, Alessano e Tiggiano

Continuano gli interventi della Provincia di Lecce in materia di difesa ambientale. Nella seduta di venerdì la giunta di Palazzo dei Celestini ha infatti stanziato 75mila euro di contributi a fondo perduto ai Comuni non rivieraschi per la realizzazione di piccole bonifiche e 50mila euro per la partecipazione ai costi di gestione e di funzionamento, per il periodo estivo, dell’impianto di distribuzione irrigua delle acque reflue depurate del depuratore consortile a servizio dei Comuni di Corsano, Alessano e Tiggiano. L’intervento di venerdì completa il piano di attuazione provinciale per l’ambiente grazie al quale erano già stati concessi contributi per oltre 460 mila euro ai diversi Comuni salentini per interventi di bonifica e campagne di sensibilizzazione ambientale. Un secondo provvedimento ha inoltre permesso alla Provincia di Lecce di andare incontro ad una richiesta avanzata dai Comuni di Corsano, Alessano e Tiggiano che nel periodo estivo, a causa della forte vocazione turistica del territorio e per il conseguente incremento delle presenze presso i Comuni, devono gestire l’aumento dei carichi biologici e delle portate afferenti in fognatura agli impianti di depurazione, per scongiurare eventuali divieti di balneazione nei tratti interessati agli scarichi in mare. “Le iniziative approvate in giunta – ha dichiarato Gianni Scognamillo, assessore alle Politiche ambientali – insieme agli altri interventi che si sono succeduti in questi anni, rappresentano una chiara manifestazione dell’impegno che la Provincia di Lecce ha prodotto in materia di ambiente d’intesa con i Comuni del territorio. Sono molto soddisfatto delle iniziative finanziate, perché dirette ad eliminare una fonte pericolosa come l’amianto e migliorare la qualità dell’ambiente, le risorse del territorio e conseguentemente, la vita dei suoi cittadini ed ospiti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!