Lecce. Notte di note al centro storico

Malgarbo, Cats'n'joe e Qck. Gruppi emergenti del panorama musicale salentino animeranno la notte nel cuore della città barocca

Un doppio appuntamento musicale nel centro storico di Lecce, promosso dall’Assessorato alle Attività Produttive, allo Sviluppo Economico e al Marketing Territoriale della città, guidato dall’assessore Attilio Monosi con la collaborazione dell’Associazione Culturale Sum Project e dell’Associazione La Ferula – Commercianti Centro Storico, che riunisce 28 associati tra commercianti e artigiani delle Vie Matteotti, Umberto I, XXV Luglio, Costa, P.tta Castromediano, Templari, Vico della Saponea e P.tta Riccardi. Alle ore 18:30, presso piazzetta Castromediano si esibiranno i Malgarbo, formazione rock composta da Paolo Zappi (voce), Luigi Cataldi (batteria), Fabio Viva (chitarra) e Luca Alemanno (basso): nati nel 2002, hanno già alle loro spalle oltre 250 serate live, riscuotendo sempre i calorosi consensi del pubblico. Alle ore 22:30, la festa si sposterà in Via Umberto I, nei pressi di Palazzo Adorno, dove di scena saranno due gruppi emergenti, che suoneranno l’uno di seguito all’altro. Sarà, poi, la volta dei Cats'N'Joe, rock band in stile anni Settanta e glam nata nel 2006 e composta da Silvia Sciarra (voce), Mirko Miglietta e Fabio Rotolo (chitarre), Alessandro Muscillo (basso) ed Antonio Trifirò (batteria). Al loro attivo hanno già concerti e partecipazioni a concorsi, festival e rassegne. Subito dopo, il microfono passerà ai QCK, che suonano insieme da gennaio 2007 e il loro genere di riferimento, per quanto eclettico, può essere descritto come Funk/Shake. Nel gruppo prevalgono, infatti, due anime: quella shake dei ballabili da club degli anni Sessanta e quella funky dei film cult-trash anni Settanta. Non a caso la sigla QCK, può alludere sia a tale varietà sonora (l’acronimo francese: Quelque Chose de Kaleidoscopique), sia all’autoironia delle radici musicali (in dialetto salentino: Qu Cci Kkappa).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!