Lucugnano. Un fondo manoscritti salentino

Scrittori e poeti salentini presso la biblioteca Comi. La provincia acquisirà i manoscritti da enti e privati

Comi e poi Pagano, Bene, con Durante, Toma, Verri e tanti altri: loro inediti e testimonianze di personali laboratori di scrittura, sparsi nel Salento, perché di proprietà di enti e privati, verranno raccolti e conservati, prima che si disperdano. Nascerà, infatti, un prezioso fondo manoscritti di scrittori e poeti salentini. E’ quello che la giunta provinciale, presieduta da Giovanni Pellegrino, ha deciso nella seduta di ieri, istituendo il fondo preso la biblioteca provinciale “Girolamo Comi” di Lucugnano, sezione staccata della biblioteca di Lecce. Impulso all’iniziativa provinciale è stato dato dalla professoressa Maria Occhinegro, in qualità di presidente dell’associazione culturale “Trilli di blu” che promuove la diffusione della cultura salentina nelle scuole. Da lei, appunto, la segnalazione della presenza, presso privati o enti pubblici, di numerosi manoscritti di autori salentini, che ha meritato accoglimento perché si “sposa” perfettamente con la politica culturale seguita dall’amministrazione provinciale in questi anni, sempre tesa a valorizzare la letteratura salentina. Inoltre, la Occhinegro ha già curato diverse iniziative che vanno nella stessa direzione, tra cui la realizzazione dell’antologia “Identità e scrittura nella poesia di Girolamo Comi”, primo volume della collana “Il Salento nella scuola”, diretta insieme al professore Donato Valli. Ora si provvederà all’acquisizione, alla catalogazione ed al riordino di questi manoscritti, per permettere la loro fruibilità pubblica. Saranno, infatti, a disposizione di studiosi, ricercatori e scolaresche del Salento. La loro disseminazione in tutta la provincia rappresenta attualmente una dispersione, con gravi disagi per coloro che, a vario titolo, hanno necessità di conoscerli e studiarli. L’iniziativa avrà così il duplice risultato di valorizzare la letteratura salentina e di affermare sempre più il ruolo di Palazzo Comi a Lucugnano, favorendone una migliore utilizzazione. La giunta provinciale, con questi obiettivi, ha dato perciò mandato al dirigente del servizio biblioteca Alessandro Laporta, affinché proceda nel tempo alla costituzione del fondo, attraverso un’attenta individuazione dei manoscritti, della loro attuale appartenenza e delle condizioni migliori perché possano essere acquisiti dalla provincia di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!