Antonio Memmi, le ragioni della candidatura

La libertà dai vincoli del passato e una rappresentanza adeguata per Casarano

Antonio Memmi, candidato alle elezioni comunali al fianco di Claudio Casciaro, e candidato al Consiglio Provinciale con Antonio Gabellone, spiega le ragioni che l’anno portato a fare delle scelte e a mettersi nuovamente in gioco. Parla della politica come “la più alta attività umana nell’ordine temporale”, citando Lazzati poiché rappresenta un modello di fedeltà ai valori dell’uomo e non agli strumenti della politica. Parlando delle nuove elezioni comunali, esprime un certo timore per come è stata gestita questa delicata fase di preparazione per il nuovo sindaco e per il nuovo Consiglio Comunale. “Le mie provocazioni, – dichiara Antonio Memmi – sono state puntualmente ignorate proprio dal PD. Un silenzio assordante perché si è preferita l’immagine, la seduzione, la sorpresa, si è preferito inventare un puro cambiamento di facciata, nella perversa certezza che si poteva continuare a non cambiare a”. Memmi sceglie la libertà da ogni vincolo del passato, “forte del fatto che mai ho avuto paura ne timore nel parlare con ciascuno dei miei concittadini. Scelgo la libertà che mi impone la mia coscienza, e l’impegno con chi è volto a costruire condizioni umane e civili di vero progresso.” L’obiettivo prioritario, per Memmi, è che Casarano possa tornare ad avere una rappresentanza istituzionale adeguata, rappresentanza che manca da troppo tempo, con un forte impegno da subito all’interno de “La Puglia prima di tutto” con una lista per il Consiglio Comunale e come candidato al Consiglio Provinciale.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!