Settimana della cultura. Bilancio positivo

A Gallipoli si è conclusa l'iniziativa adottata dal Ministero dei Beni Culturali per incrementare l’interesse per l’arte e la conoscenza della cultura attraverso l’organizzazione di eventi e l’apertura gratuita di tutti i luoghi statali

Si è conclusa con un bilancio estremamente positivo, per la città di Gallipoli, la “Settimana della Cultura”, l'iniziativa adottata dal Ministero dei Beni Culturali- alla sua undicesima edizione – per incrementare l’interesse per l’arte e la conoscenza della cultura attraverso l’organizzazione di eventi e l’apertura gratuita di tutti i luoghi statali. In riva allo Ionio l'assessorato alla Cultura ha deciso di favorire le visite gratuite presso il Teatro Garibaldi e i cantieri dell'ex mercato coperto, struttura in fase di restauro. L'iniziativa, realizzata grazie alla collaborazione attiva della Pro Loco, ha coinvolto oltre seicento persone ed oltre che di cittadini ha visto anche la partecipazione di turisti ovviamente salentini e pugliesi ma provenienti anche da Matera, Bologna, Torino, Roma, Catania e persino da Inghilterra e Francia, “Il successo della manifestazione – ha spiegato l'assessore alla Cultura, Gabriella Casavecchia – dimostra da un lato come sia sempre elevata, da parte dell'utenza, la domanda nel settore culturale e dall'altro come l'impegno per incentivare e promuovere questo settore alla fine ripaghi sempre”. In particolare i visitatori hanno molto apprezzato la riapertura del Teatro Garibaldi, lasciando alcune frasi significative nel registro dei visitatori. “Complimenti per il cuore artistico e l'impegno civile”, “Era ora! Grazia”, “Un vero gioiello”, “Uno splendido teatro per una splendida città”, “Ci è stata riconsegnata un po' della nostra storia”, sono alcuni dei ricordi scritti lasciati nel book del Garibaldi. “Sono frasi ed attestazioni – ha concluso l'assessore – che testimoniano come la scelta dell'Amministrazione Comunale di restituire alla città alcuni dei suoi gioielli storici, artistici e culturali, quali il Garibaldi o la Fontana antica, sia stato un importante e apprezzato servizio reso alla memoria storica, all'immagine ed anche alla diversificazione turistica della città”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!