Giochi sportivi studenteschi. E' finale regionale

Il palazzetto “G. Ventura” di Piazza Palio a Lecce ha ospitato martedì la Finale Regionale 2008/2009 dei Giochi Sportivi Studenteschi per la disciplina del badminton

Grazie ad un’organizzazione curata nei minimi dettagli ragazzi ed insegnanti provenienti da tutta la Puglia hanno potuto darsi battaglia a colpi di “racchetta e volano” con l’obiettivo di centrare la vittoria e raggiungere le ambite finali nazionali. Hanno trionfato, e terranno alto il nome della Puglia a livello nazionale, l’Istituto Comprensivo di Diso (Le) nel 1° grado (scuola media inferiore); l’ISS “Leonardo da Vinci” di Cassano delle Murge (Ba) per la categoria femminile e l’ITG “Belluzzi” di Brindisi per la categoria maschile nel 2° grado (SM superiore). Tutte le gare sono state dirette da un equipe di studenti e arbitri selezionata dal prof. Antonio Bellifemine dell’ ITC “Giulio Cesare” di Bari. Roberto Modoni, delegato FIBa per Lecce e promoter dell’evento ha reso gustabile la manifestazione fornendo ad ogni partecipante una t-shirt celebrativa. Antonio Vasquez, coordinatore dell’Ufficio di educazione fisica e sportiva di Lecce ha scelto e reso disponibile la location mentre Giovanni Rizzo, dell’Associazione Medico Sportiva di Lecce, ha assicurato l’assistenza sanitaria. Sono intervenuti alla premiazione: Antonio Pascali, presidente CONI Lecce, che ha espresso il desiderio di vedere radicato anche a Lecce il badminton agonistico; Giuseppe Calò, Consigliere Nazionale FIBa, che ha portato i saluti del presidente nazionale Miglietta ed ha ribadito la voglia di una federazione giovane di puntare sui giovani; Michele Manicone, Fiduciario FIBa Puglia Scuola, Virginia Bernardini Delegata FIBa Brindisi e Giuseppe Lassandro, Presidente FIBa Puglia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!