Obiettivo internazionalizzazione. Ritornano i russi

Un workshop con le imprese per creare una filiera produttiva Salento-San Pietroburgo. Il Pit9 punta ad internazionalizzare il Sistema Moda

I buyers russi tornano nel Salento per incontrare e visitare le imprese del Sistema Moda, e avviare rapporti per la creazione di una filiera produttiva tra il Salento e San Pietroburgo. Proseguono gli appuntamenti del Programma internazionalizzazione del Pit9, che verranno presentati oggi (ore 15.00) a Casarano, nel corso di un workshop con le imprese che avrà luogo nella Sala Formazione del Cisi (zona industriale). I rapporti economici con gli investitori russi non si fermeranno, ad ogni modo, alla visita di questi nel Salento; è prevista infatti una missione istituzionale ed economica a San Pietroburgo finalizzata all’apertura di un desk imprese presso la Camera di Commercio, alla firma di intese con l’Università pietroburghese, alla realizzazione di una rete di incontri tra le imprese salentine e la rete commerciale pietroburghese. Il pomeriggio si aprirà con i saluti di Remigio Venuti, sindaco di Casarano, Comune capofila del Pit9, e degli altri rappresentanti istituzionali, per poi passare agli interventi tecnici con Umberto Vitali, coordinatore Progetto Internazionalizzazione Pit9, Roberto Chinello, responsabile di Società Italia, Francesco Macchiarella, Exen, capofila del raggruppamento aggiudicatario del bando, e Roberto Fatano, Confindustria Lecce “A San Pietroburgo, come anche a New York e a Mosca, dove si sono già svolte le Missioni Pit9 – ha dichiarato Venuti – il sistema istituzionale salentino ed il sistema produttivo territoriale hanno avviato relazioni e occasioni, dimostrando come le nostre imprese, se sostenute adeguatamente, possono positivamente reggere la sfida dei mercati mondiali. Ripartiamo dunque da qui, dai risultati già raggiunti, consapevoli di come solo un lavoro continuo e capillare possa portare esiti concreti ed evidenti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment