La Calandra mette in scena il vero Otello

Il teatro diventa realtà per poi ritornare ad essere finzione, gli attori recitano, ma sono anche scenografia, la fantasia è protagonista. Questo il terzo appuntamento in cartellone al Paisiello

Commedia, dramma, tragedia. Il teatro diventa realtà per poi ritornare ad essere finzione, gli attori recitano, ma sono anche scenografia, la fantasia è protagonista. L’evidente fedeltà al testo riporta venature sperimentali non solo per la singolare messa in scena ma anche e soprattutto, per il messaggio che arriva senza fronzoli e orpelli allo spettatore, coinvolgendolo, chiamandolo in causa, facendolo interagire. Istantanee metateatrali per attualizzare passioni attuali. Avidità, arrivismo, ira cieca, gelosia, così come onestà, lealtà, integrità. Non si cercano risposte questa volta… attori e spettatori già sanno ma fanno finta di non sapere e giocano ad incantarsi a vicenda con formule che suonano ogni volta nuove perché lo sono o forse lo sembrano, in questa realtà… ma, come dirà Iago “nella realtà che cosa non sembra il contrario di quel che è? E nella finzione, nel teatro, tutto è il contrario di quel che sembra!”. E’ questo l’ Otello della Calandra che, grazie al testo magistralmente adattato da Scorrano, diverte con leggerezza e appassiona con intensità. Il terzo appuntamento dei quattro in cartellone è per oggi con Otello, di William Shakespeare, regia di Giuseppe Miggiano, adattamenti di Luigi Scorrano con Donato Chiarello, Miryam Mariano, Federica De Prezzo, Piero Schirinzi, Antonio Giuri, Ester De Vitis, Chiara Giuri e Federico Della Ducata.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!