Interrogazione Consiliare a risposta orale per il Consiglio Comunale

La stessa trae spunto dalle dichiarazioni del Presidente della Sezione Costruttori Edili Ance di Confindustria Lecce

Nico Giannuzzi, capogruppo consiliare udc, scrive al sindaco e all’assessore ai lavori pubblici un'interrogazione consiliare urgente a risposta orale da svolgersi nel prossimo Consiglio Comunale. La stessa trae spunto dalla dichiarazioni del Presidente della Sezione Costruttori Edili Ance di Confindustria Lecce

Al Sindaco e all’Assessore ai Lavori Pubblici per sapere, premesso che in data 14 aprile 2009 è stata diffusa una nota a firma di Sergio Goffredo, Presidente della Sezione Costruttori Edili Ance di Confindustria Lecce, nella quale si afferma testualmente che “il Comune di Ugento, nel determinare la base d’asta dei prezzi dei lavori di adeguamento dei recapiti finali ed ampliamento della rete di fognature pluviale, non ha applicato il prezzario della Regione Puglia del giugno 2008. Così operando, ha palesemente violato l’obbligo normativo di applicare negli appalti dei lavori i prezzi correnti e vigenti al momento dell’approvazione e revisione del progetto”; nella stessa nota il Presidente dei Costruttori Edili Ance di Confindustria Lecce precisa che da una puntuale analisi dei prezzi messi in gara risulta che per eseguire a regola d’arte i lavori previsti sarebbe, in realtà, necessario un importo a base d’asta superiore di almeno il 50% di quello previsto; precisa, inoltre, il Presidente di aver trasmesso al Comune di Ugento la suddetta analisi dei prezzi accompagnata da una lettera nella quale si chiedeva l’anamento della procedura della gara; afferma, quindi, Goffredo che “cade naturale una considerazione. Se l’Ente appaltante, tenuto al rispetto dei basilari principi di efficienza, efficacia e correttezza, che si concretizzano in una verifica sostanziale della congruità dei prezzi, opera illegittimamente, allo scopo di ottenere un presunto risparmio, ne può facilmente conseguire l’ipotesi che l’appaltatore, per limitare le perdite, dovrà pure trovare, nella fase di esecuzione dei lavori, degli espedienti. Per cui: allungamento dei tempi previsti per consegnare l’opera, riserve e contenzioso, cambio dei materiali previsti nel capitolato, ricorso al lavoro nero, mancato rispetto delle norme di sicurezza”; conclude, infine, Goffredo che “gli appelli alla cultura della legalità, gli inviti alla cultura della responsabilità sono parole e non ancora fatti. In questi tristi giorni, questa amara riflessione dovrebbe, veramente, condizionare il lavoro di tutti coloro che, a vario titolo e responsabilità, operano nella filiera dell’appalto di lavori pubblici”; 1. se risponde al vero quanto affermato dal Presidente della Sezione Costruttori Edili Ance di Confindustria Lecce ossia che il Comune di Ugento, nel determinare la base d’asta dei prezzi dei lavori di adeguamento dei recapiti finali ed ampliamento della rete di fognature pluviale, non ha applicato il prezzario della Regione Puglia del giugno 2008; 2. per quale ragione il Comune di Ugento non ha applicato nella suddetta procedura di gara il prezzario della Regione Puglia del giugno 2008; 3. per quale ragione l’Amministrazione Comunale, avendo ricevuto dal Presidente della Sezione Costruttori Edili Ance di Confindustria Lecce una nota contenente una puntuale analisi dei prezzi messi in gara, dalla quale risulta che per eseguire a regola d’arte i lavori previsti dal progetto necessita un importo a base d’aste superiore di almeno un 50%, ha ciononostante inteso proseguire nel procedimento di gara anziché disporne l’anamento; 4. se non ritiene l’Amministrazione Comunale che presunti risparmi ricavabili dall’applicazione non congrua dei prezzi, compromettendo la stabilità economica della ditta appaltatrice, determinino, come giustamente denunciato dal Presidente della Sezione Costruttori Edili Ance di Confindustria Lecce, allungamenti dei tempi di realizzazione delle opere, riserve e contenzioso, cambio dei materiali previsti nel capitolato, ricorso al lavoro nero, mancato rispetto delle norme di sicurezza; 5. dopo la denuncia del Presidente della Sezione Costruttori Edili Ance di Confindustria Lecce quali provvedimenti ha adottato o intende adottare l’Amministrazione Comunale in merito alla procedura di gara concernente i lavori di adeguamento dei recapiti finali ed ampliamento della rete di fognature pluviale. Avv. Nico Giannuzzi (Capogruppo Consiliare UDC)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment