Randagi in branco. Paura a Nardò

Danni alle persone e agli animali

Il Comune di Nardò chiede un programma di interventi concordato con l'Asl. Tra i cittadini cresce la paura ad uscir di casa

Tensione alta nella zona dell’Arneo. I cittadini hanno paura. Perchè gli episodi che si sono verificati negli scorsi giorni hanno messo tutti in allarme. Cani randagi in folti branchi, dopo aver aggredito una donna, hanno sterminato un gregge di cento capi, causando un danno non di poco conto al proprietario. Per questa ragione nella giornata di ieri i residenti nella zona di “Donna Domenica” hanno notato i sanitari del servizio veterinario dell’Asl effettuare sopralluoghi per accertare la presenza di altri randagi. Denunciata da diversi anni dagli abitanti del posto. Lo stesso Antonio Vaglio,s indaco della città, ha sottolineato l’urgenza di interventi straordinari che possano porre fine all’emergenza. “Servirebbe – ha detto Vaglio – un programma di interventi concordato tra Comuni ed Asl”, anche perché il Comune di Nardò per mantenere i cani accalappiato e condotti nel canile comunale spende ogni anno la somma di 130mila euro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!