Per il Lecce l'ennesima beffa

Altro pugno di mosche in mano

Pugno di mosche in mano per il Lecce di De Canio a S.Siro. I giallorossi contengono bene le avanzate rossonere e non disdegnano di ripartire in contropiede e affacciarsi dalle parti di Dida. Ma non basta per evitare un'altra amara sconfitta

Combattivo e coraggioso il 4-4-1-1 dei Salentini con Polenghi esterno basso a destra dietro Angelo e Caserta alle spalle di Tiribocchi. A centrocampo Vives e Munari. Tranquillo il primo tempo, nel pomeriggio dagli altri campi sono giunte buone notizie. Emotivamente è un Lecce che può farcela. Ma nel secondo i padroni di casa con Ronaldinho e Shevchenko danno man forte in avanti al vecchio Inzaghi e ad un battagliero Pato. Benussi sfodera un paio di ottimi interventi e tutta la linea difensiva contiene bene gli attacchi rossoneri. Al 37mo il Lecce avrebbe addirittura l’occasione per passare in vantaggio ma il colpo di testa di Tiribocchi è deviato in angolo da Senderos, poi nel seguente corner sempre il Tir non riesce a concludere in rete una palla vagante nell’area piccola. Sull’ultima di una serie di punizioni concesse dall’arbitro Farina, Senderos svetta di testa e la palla carambola sulla nuca di Ronaldinho, spiazzando Benussi per l’ 1-0. Nel recupero tocca ad Inzaghi, che sigla il raddoppio su assist di Sheva. Un vero peccato. Il Lecce crolla a pochi minuti dal traguardo, perdendo un punto importante per mantenere la Serie A. Da che parte sarà la dea bendata al prossimo match?

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!