Scusi, posso esistere?

Una nuova chiave per il pensiero pirandelliano

In scena gli studenti del corso di Letteratura teatrale italiana dell’Università del Salento. Si esibiranno in una rivisitazione del pensiero pirandelliano. L'ingresso è libero

In scena martedì alle ore 10.00 presso i Cantieri Teatrali Koreja, in via Guido Dorso, n° 70 a Lecce “Scusi, posso esistere?”. Risultato performativo del percorso laboratoriale svolto dagli studenti del corso di Letteratura teatrale italiana facoltà di Lingue e Letterature Straniere del Prof. Giuseppe Coluccia coordinati dalla dott.ssa Pina Montinaro e diretto dagli attori teatrali Alessandra Crocco e Giovanni De Monte. Sul palcoscenico Francesca Montefusco, Roberta Iacovelli, Massimiliano Castoro, Rosa Milano, Piero Macchia, Laura Cristoforetti, Federica Minonne, Doriana di Casaria, Serena Lippo, Rossana D’Aversa, Annamaria Miuli, Maria Grazia Gabriele. Realizzata in collaborazione con il dipartimento di Scienze Sociali e della Comunicazione dell’Università del Salento e i Cantieri Teatrali Koreja, la messa in scena, liberamente ispirata e tratta dalle Novelle per un Anno di L. Pirandello, parte da un discorso teatrale incentrato sulla storia del teatro, per spostarsi sull’analisi dell’opera pirandelliana attraverso lo studio di testi appartenenti ai generi della novella, del romanzo e del dramma. Punto di partenza Sei personaggi in cerca d’autore, in cui la contrapposizione realtà/finzione mette in luce il tema della comunicazione mancata, quell’inganno “[…] della comprensione reciproca fondato irrimediabilmente sulla vuota astrazione delle parole […]” che l’autore stesso definisce nella prefazione.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!