Nevi, gigli, gelo

Pagine memorabili sull'eros in vecchiaia da un Giuseppe Verdi ancor giovane e il suo nuovo librettista

A una svolta importante della sua carriera, Giuseppe Verdi si procurò per librettista un ex seminarista di Murano, Francesco Maria Piave, scrittore mancato e correttore di bozze. Piave produsse libretti onestissimi e famosissimi. Sono anche buoni, diceva Verdi perfido, “salvo i versi”. Scrivendo il primo, l’autore deve aver pensato che o la va o la spacca, e volle mostrare tutto quel che aveva da dare, incluso un certo patriottismo in stile Nabucco, con gli spagnoli nel ruolo degli ebrei. Ernani però è soprattutto un’opera sull’eros senile: Elvira ama un giovane bandito, ma è promessa al vecchio zio e bramata da Carlo V in persona. Qui lo zio ha appena pescato la nipote in camera coi suddetti e sproloquia di gigli, nevi sul crine, cuor di gelo… Traducendo: si lamenta che alla sua età avrebbe dovuto smetterla da un pezzo di correr dietro alle sbarbine; poi dà della sgualdrina alla ragazza dicendo: “Non è affatto un giglio immacolato”. Ma, dal libretto alla partitura, l’insulto scompare con l’aggiunta di una vocale: “tu” diventa “tuo”, ossia: quel giglio non poteva esser solo tuo, vecchio fesso. Che accetti l’idea di un ménage a quattro? Coppia aperta? Orgetta? Macché… Elvira scenderà dall’altare già vedova. “Il cane dell’ortolano – dicono gli spagnoli – non mangia né lascia mangiare”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!