I vicini di casa di Basile: “Vittime anche noi”

Si sono detti vittime. Bersagli di pedinamenti, interrogatori, controlli talmente insistenti da non permettere loro di svolgere le consuete attività quotidiane. E colpevoli. Ma solo di aver udito le ultime grida di Peppino Basile, la notte in cui venne ucciso, e di aver tentato di soccorrerlo. Il minore ed il padre, vicini di casa del consigliere di Italia dei valori trucidato lo scorso 14 giugno, ieri hanno rotto il silenzio. E, per mezzo dei legali difensori Roberto Bray ed Antonio Melileo, hanno depositato un memoriale in cui hanno parlato di atteggiamenti persecutori nei loro confronti nel corso dei nove mesi di indagini della magistratura. “Con un macabro tintinnare di manette – si legge nel documento – ci viene prospettata la possibilità di una condanna a 20 anni di reclusione in qualità di possibili concorrenti nella commissione del delitto. O addirittura ci viene chiesta in continuazione una confessione come autori dell’omicidio”. I due indagati chiedono l’archiviazione dei procedimenti a loro carico e si dichiarano sinceri, motivando le contraddizioni riscontrate nei diversi interrogatori cui sono stati sottoposti solo con la pressione determinata dai fatti e con la concitazione di quella notte di quasi un anno fa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!