Una casa nel parco. Sequestrata

L’intervento congiunto di Polizia municipale e Corpo Forestale dello Stato

L’immobile, di non grandi dimensioni, si trova in località “Sogliano”, a Gallipoli, zona sottoposta a vincolo paesaggistico e idrogeologico. Il sindaco: “E’ un sequestro che serve da esempio”

In questi giorni un intervento congiunto tra il comando di Polizia Municipale e la locale stazione del Corpo Forestale dello Stato di Gallipoli ha consentito di sottoporre a sequestro, in località “Sogliano” – zona situata in agro di Gallipoli e sottoposta a vincolo paesaggistico e idrogeologico – un immobile per abitazione civile della superficie esterna superiore a 60 metri quadri, oltre ad ulteriori 9 metri quadri di porticato. L'immobile in questione era costituito da una struttura prefabbricata, che era stata posta ad un’altezza di circa un metro dal piano campagna. La struttura sottoposta a sequestro si trova al confine con il parco naturale regionale “Litorale di Punta Pizzo – Isola di Sant’Andrea” e l'attività posta in essere dagli agenti comandanti dal maggiore Patrizio Giannone rientra tra gli indirizzi specifici rivolti alla Polizia Municipale da parte del sindaco Giuseppe Venneri e dell'Amministrazione comunale relativamente ai controlli da effettuare in materia di tutela ambientale. “È nostro intendimento – ha spiegato il sindaco, che tra le sue deleghe ha anche quella alle Politiche ambientali – costituirci parte civile relativamente a quelle situazioni, come questa, di aggressione selvaggia ed indiscriminata al nostro patrimonio naturalistico, che intendiamo difendere con tutti i mezzi che la legge ci mette a disposizione. Vogliamo dare un segnale forte e netto non solo per rimarcare l'importanza della tutela del territorio ma anche e soprattutto per indicare a chiare lettere che questa città non è terra di conquista, aggredibile ed occupabile da quanti hanno interessi speculativi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!