Un’auto sotto casa di Basile la notte dell’omicidio

Potrebbe essere solo una voce non confermata eppure è ciò che si sente dire per le strade di Ugento e che da alcuni giorni è al vaglio degli inquirenti: la notte dell’omicidio di Peppino Basile, una macchina di colore scuro, dal modello ancora non ben identificato, sarebbe stata parcheggiata a pochi metri di distanza dalla casa del consigliere e l’avrebbe atteso rientrare. Nell’abitacolo vi sarebbero stati quattro uomini, dall’identità ignota. L’ipotesi è che questi uomini abbiano aspettato che Basile scendesse dalla sua Panda di colore nero per sferrargli le coltellate mortali. Qualcuno avrebbe visto quell’auto allontanarsi a gran velocità. Il resto sono solo domande. Chi si trovava in quell’auto? Gli effettivi esecutori dell’omicidio del consigliere di Italia dei valori o solo qualcuno incaricato di controllare i suoi orari? Il fatto è del tutto casuale? Domande senza risposta, per il momento. Di certo ci sarebbe, secondo gli inquirenti, solo la convinzione che i vicini di casa di Basile abbiano visto o udito più di quanto abbiano riferito e che non parlino, per paura. Intanto domani si svolgerà l’interrogatorio del minore vicino di casa del politico che dovrà rispondere sulle circostanze che lo avrebbero indotto a dire il falso negli interrogatori dei mesi scorsi di fronte a Giovanni De Palma, il pm che si occupa del caso.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!