100 candeline per il Lecce. Fasano replica ad Alfarano

Un Fasano amareggiato per le dichiarazioni di Alfarano

Un Fasano amareggiato che decide di replicare alle dichiarazioni rilasciate dall'assessore allo Sport del Comune di Lecce per la mancata festa del compleanno del Lecce

Personalmente ho provato un senso di amarezza nel leggere questa mattina le dichiarazioni dell’assessore allo Sport del Comune di Lecce, in merito alla mancata festa per celebrare i cento anni del Lecce. Per dovere di giustezza vorrei ricordare all’amico Alfarano la sottoscrizione di un protocollo d’intesa tra Provincia di Lecce, Comune di Lecce, Unione dei Comuni della Grecìa Salentina ed Unione Sportiva Lecce, proprio per le celebrazione del centenario della squadra giallorossa. Questo Ente ha da subito sposato l’iniziativa e con delibera di giunta n. 182 del 4/7/08 ha aderito al protocollo, stanziando la somma di 15mila euro, al pari degli altri sottoscrittori, impegno finanziario (cap. n. 31234/005 “Iniziative per attività sportive” del bilancio 2008”), che è ancora a disposizione. E mi tocca rammentare che, una volta trasferita la somma, il Comune di Lecce comunicò che le somme stabilite non erano sufficienti a coprire le spese per la realizzazione dell’evento. Così come abbiamo preso atto che il Comune ha provveduto ad abbellire le vie cittadine con banner e fascioni giallorossi, senza che questo Ente venisse in alcun modo coinvolto nell’organizzazione. Spiace dover continuare ad alimentare sterili polemiche sull’insuccesso dell’iniziative, che non sono imputabili a questa Provincia. Il mio personale augurio, e credo di interpretare anche il pensiero dell’amico e tifoso Massimo, è che queste celebrazioni possano coincidere con la difficile salvezza di una squadra, patrimonio comune della nostra terra e del nostro “Salento d’Amare”. Flavio Fasano Assessore provinciale allo sport

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!