Chi avvelena paga

L’iniziativa dell’associazione ambientalista

Legambiente propone una class action contro i produttori di diossina. Un’azione collettiva per ottenere il risarcimento dei danni per chi inquina acqua ed aria salentine

Un'azione collettiva per ottenere i danni da chi avvelena l'aria e l'acqua del Salento. E non solo per i danni alle attività economiche ma anche per quelli plausibili e ancora da accertare alla salute umana. La diossina derivata prevalentemente da combustione a basse temperature delle plastiche contenenti cloro, si accumula velocemente e stabilmente nei tessuti, e nel latte materno in particolare, ed è uno dei composti tossici e cancerogeni più potenti. Avvalendosi del proprio Centro di Azione Giuridica (Ceag) curato da Carlo Barone, Legambiente propone un’azione per ottenere l'applicazione piena del principio giuridico del “chi inquina paga”, “finora – commentano dall’associazione ambientalista – raramente applicato in Italia, a beneficio del popolo inquinato”. Il meccanismo è quello della class action, strumento non ancora riconosciuto dalla normativa nazionale (vedi il sito www.class-action.it), che consente alle associazioni riconosciute come rappresentanti dei pubblici interessi di costituirsi per il risarcimento di individui o categorie colpiti da azioni illecite. I danni sotto l'aspetto epidemiologico e sanitario potrebbero essere ingenti, e proprio per fare chiarezza sulla situazione reale e giungere ad una quantificazione, l'associazione del cigno verde sta avviando le azioni legali opportune presso l'autorità giudiziaria.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!