Dan Peterson in Puglia per presentare il Basket Jam Camp

Al “Club Bellavista” di Gallipoli la conferenza stampa di presentazione

Insieme a Dan Peterson, Margaret Gonnella, presidente regionale FIP, Marra presidente provinciale e gli assessori allo sport dei Comuni di Gallipoli e Taviano, per la conferenza stampa di presentazione del più rinomato tra i Camp estivi italiani dedicati alla pallacanestro, che sbarcherà nel Salento la prossima estate

Si è tenuta presso il “Club Bellavista” di Gallipoli la conferenza stampa di presentazione del “Basket Jam Camp”, il più rinomato tra i Camp estivi italiani dedicati alla pallacanestro, che sbarcherà nel Salento la prossima estate. A far gli onori di casa i fratelli Roberto e Danilo Milocco della “Icaro Eventi” (organizzatori dell’evento) ed il loro collaboratore per la location pugliese Gianvito Guadalupi. Ricca e prestigiosa l’agenda degli interventi che ha visto protagonisti l’assessore allo sport del comune di Gallipoli Giorgio Cacciatori, quello del Comune di Taviano Rocco D’Argento, il presidente regionale della Federazione Italiana Pallacanestro Margaret Gonnella, quello provinciale Vito Marra, oltre ad un ospite d’eccezione: il mito della pallacanestro internazionale Dan Peterson. “Siamo qui per presentare un evento da non perdere assolutamente – ha dichiarato coach Peterson – che arriva in Puglia dopo quasi quindici anni di esperienza maturata in tutta Italia”. Il Jam Camp 2009 infatti si svolgerà a Giardini Naxos-Taormina (sede storica), in Versilia a Marina di Massa e Carrara, e per la prima volta a Gallipoli-Taviano, dal 6 al 12 luglio. “Non conoscevo Gallipoli e Taviano, lo confesso – ha aggiunto Peterson – e devo dire che sono rimasto a bocca aperta. Sono entusiasta per la bellezza dei luoghi e delle strutture della Caroli Hotels che ospitano l’evento. Qui ci sono tutte le caratteristiche ideali per creare un grande evento che duri nel tempo”. La manifestazione è organizzata in collaborazione con la FIP Puglia, e il presidente regionale Margaret Gonnella ha colto l’occasione per presentare anche il “Jam Camp for girls”, il primo camp specialistico d’Italia dedicato esclusivamente alle donne: “un motivo di grande orgoglio – ha commentato la Gonnella – per il nostro territorio e per tutto il nostro movimento”. Cacciatori e D’Argento, in rappresentanza dei Comuni di Gallipoli e Taviano, che patrocinano la manifestazione, hanno unanimamente dato il benvenuto all’evento, sottolineando il carattere pluriennale del progetto. Il Basket Jam Camp, aperto a tutti i ragazzi e le ragazze dagli 8 ai 21 anni, offre ai suoi campers lezioni e allenamenti mirati, tornei individuali e di squadra. Gli iscritti vivranno a stretto contatto con i più grandi campioni e allenatori del mondo del basket: da Dan Peterson agli allenatori internazionali, dai campioni della serie A e della Nazionale ai Da Move. Durante il Camp si svolgerà anche la serata-evento aperta al pubblico dell’All Star Game, la partita in piazza che darà modo alla cittadinanza e ai turisti di essere partecipi dell’iniziativa e di entrare in contatto con i numerosi campioni ospiti. Tutti gli iscritti e gli istruttori riceveranno in regalo il Kit d’abbigliamento tecnico e le scarpe da gioco della Reebok. Il Jam Camp è anche una splendida vacanza. Un’esperienza aggregativa che prevede momenti di relax e divertimento al mare e in piscina, serate organizzate con giochi e animazione, eventuali gite ed escursioni guidate. Inoltre, le splendide strutture ricettive di alta qualità della “CAROLI Hotels” che ospitano il Camp a Gallipoli (“Club Bellavista”, villaggio-ecoresort “Le Sirenè” e “Joli Park Hotel”) offrono anche a parenti e accompagnatori al seguito la possibilità di vivere una vacanza unica, grazie alle vantaggiose convenzioni a loro dedicate. Dan Peterson è ripartito con un arrivederci alla prossima estate al Jam Camp, che, parola sua… “è il Camp numero 1!”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!