Travolto da un'auto pirata. Salento muore a Pisa

Il giovane si trovava inToscana per motivi di studio

L'ha travolto mentre attraversava la strada e non l'ha neppure soccorso. Anzi, è fuggita via a tutta velocità. Tragedia a Pisa. Un 22enne di Lecce è morto lontano da casa e dalla famiglia

Trascinato lungo l’asfalto. E morto lì, agonizzante. Così si è spento nella tarda serata di martedì scorso Riccardo Pisanello, 22 anni, di Lecce. Lontano dalla sua famiglia e dalla sua città. L’incidente si è infatti consumato a Pisa, dove studiava, in località Calambrone, sul viale che collega Livorno a Tirrenia. Il giovane stava attraversando la strada quando un’auto, un fuoristrada, lo ha travolto, senza neanche soccorrerlo. Non solo: il mezzo ha proseguito dritto a tutta velocità facendo perdere le proprie tracce. Alcuni istanti dopo il corpo di Riccardo è stato nuovamente investito da un secondo mezzo che probabilmente non ha fatto in tempo a frenare. Il conducente della seconda auto si è però fermato ed ha subito chiamato il 118. Ma il giovane salentino era già morto sul colpo. La scena che si è presentata agli agenti della Polstrada e dei sanitari è stata agghiacciante. Il corpo del 22enne era dilaniato ed il volto praticamente irriconoscibile.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!