Loredana Capone porta a Torino l'esperienza del sociale leccese

Un convegno sui piani di zona del sociale

Loredana Capone, vice presidente ed assessore provinciale alla Sicurezza e Qualità sociale, oggi a Torino per parlare dell’esperienza e del modello dei Piani di Zona della Provincia di Lecce

Oggi si tiene a Torino il convegno sul modello dei Piani di Zona della Provincia di Lecce, promosso dalla Provincia di Torino, con il patrocinio del Ministero del Lavoro e della Salute, intitolato “Il ruolo delle Province nella promozione dello sviluppo locale: il caso dei Piani di Zona del sociale”. Tema della discussione: il ruolo dell’Ente Provincia e delle sue politiche sociali come motore di sviluppo e raccordo con le altre politiche, in un’ottica di incremento della crescita locale del territorio. A portare il loro personale contributo i rappresentanti di altre Province italiane, il mondo dell’Università, gli enti gestori delle funzioni socio-assistenziali. Il dibattito sarà incentrato sul bilancio dei primi processi di programmazione dei Piani di Zona, in primis della Provincia di Torino, che hanno avuto come obiettivo principale quello di sviluppare e qualificare i servizi sociali attraverso il coinvolgimento di operatori, tecnici ed amministratori di enti ed istituzioni pubbliche e private, per renderli flessibili ed adeguati ai bisogni della popolazione. Quanto attuato nell’ultimo decennio in materia di welfare da Palazzo dei Celestini è stato, infatti, riconosciuto come buona prassi a livello nazionale. Da qui l’invito rivolto alla vice Presidente Loredana Capone dall’assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Torino e l’opportunità di far conoscere al di fuori dei confini regionali e dinnanzi ad una platea di importanti rappresentanti istituzionali e attori sociali le iniziative più significative realizzate dalla Provincia di Lecce in favore dei giovani, degli anziani, dei diversamente abili Ed in questo contesto l’esperienza della Provincia di Lecce sarà portata all’attenzione dei lavori dalla vice presidente Loredana Capone che, nella sua relazione, valorizzerà i punti di forza dei Piani di Zona in un’ottica di sviluppo della programmazione futura. “Prima della legge 328 del 2000, che ha introdotto in Italia un nuovo sistema di welfare, e prima di qualsiasi altra provincia della Puglia, e più in generale del Sud, la Provincia di Lecce ha anticipato i tempi, dimostrando la rivoluzionaria capacità di assumere il compito di accompagnare tutti i soggetti istituzionali coinvolti nei processi di pianificazione e realizzazione della rete dei servizi alla persona. Basti pensare all’istituzione, già nel 2003, di due organismi specifici, che hanno avuto un vero e proprio ruolo di governance rispetto ai dieci ambiti dei Piani di Zona”, dichiara la vice presidente Loredana Capone. “Oggi dimostriamo ancora un impegno particolare nel delicato e vitale settore delle Politiche sociali. Oltre a rafforzare ed innovare i servizi per i videolesi e gli audiolesi in tutto il Salento, infatti, la Provincia sta esercitando attivamente tutte le funzioni di coordinamento attribuite dalla legge regionale, sta realizzando particolari servizi sociali, creando l’Osservatorio Sociale Provinciale, ha partecipato alla realizzazione del Sistema Informativo Regionale, ha attuato progetti innovativi per l’integrazione extrascolastica dei diversamente abili e ha creato i Centri Risorse per la Famiglia”, conclude la Capone.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!