Depuratore di Ugento: condannato il sindaco Ozza

Autorizzò l’attivazione del depuratore di Ugento al servizio delle marine nonostante questo mancasse di 1.500 metri di tubature e non avesse l’autorizzazione della Provincia

Tre ditte, autorizzate dal Comune, sversarono oltre 15.000 tonnellate di liquami nel depuratore. Erano le ditte: Molle Giovanni di Ugento, Piccinni Rocco di Gemini e Rosafio Rocco di Taurisano

Il depuratore di Ugento al servizio delle marine non avrebbe dovuto funzionare quei tre mesi d’estate di cinque anni fa. Il motivo? Non aveva l’autorizzazione necessaria che avrebbe dovuto rilasciare la Provincia. E quell’autorizzazione la Provincia non poteva rilasciarla perché il depuratore era incompleto: mancavano un kilometro e mezzo di condutture, un collettore necessario per collegare il depuratore al canale di bonifica “Colatisi Risetani”. Nonostante questo il sindaco Eugenio Ozza con un’ordinanza contingibile e urgente per i tre mesi estivi affida la gestione del depuratore all’ufficio tecnico comunale, adducendo lo stato di emergenza ambientale creatasi nel Comune di Ugento durante il periodo estivo, a causa dell’accresciuta richiesta da parte dei villeggianti di smaltire i reflui dei pozzi neri. (continua in edicola sul Tacco d'Italia di marzo)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!