Confindustria: come essere sicuri sui luoghi di lavoro

Seminario sulla responsabilità amministrativa in sede penale delle società in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro (D.Lgs. 231/01 e D.Lgs. 81/08)

Un seminario sulla responsabilità amministrativa in sede penale delle società in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro oggi alle ore 15.30 presso la sede sociale a Lecce

In relazione alla recente introduzione del nuovo Testo Unico in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro Confindustria Lecce – Sezione Terziario Avanzato, in collaborazione con l’Osservatorio dell’innovazione e dello sviluppo del Sud-Est”, promuove un seminario sulla responsabilità amministrativa in sede penale delle società in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro oggi ore 15.30 presso la sede sociale. Il programma prevede: Saluti e introduzione di Piero Montinari, Presidente Confindustria Lecce Tommaso D’Onofrio, Presidente AISCRIS. Apertura lavori e inquadramento normativo (D.Lgs. 231/01 e D.Lgs. 81/08): Sebastiano Schito, Presidente Sezione Terziario Avanzato Confindustria Lecce Carlo Macculi, delegato all’Innovazione di Confindustria Lecce La L.123/07, il T.U. sulla salute e sicurezza e la correlazione con i sistemi di gestione certificati: Armando Romaniello, Direttore Marketing del Certiquality Aspetti penali della disciplina introdotta dal D.Lgs. 81/08, principali novità: Paola Guglielmi, Sostituto Procuratore della Procura della Repubblica del Tribunale di Lecce, specializzata nel settore sicurezza sui luoghi di lavoro. L’adozione dei modelli organizzativi nelle imprese: tecnica, costi, opportunità”: Annalisa De Vivo, Dottore commercialista – Istituto di Ricerca dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!