Finto prete abusa di minori

Il 53enne di Surbo è accusato di aver adescato minori per violenze sessuali

Era conosciuto come P.Pietro Maria e pagava i ragazzini per le prestazioni. Prete falso, ma pedofilo vero: arrestato

Diceva di essere un sacerdote e aveva anche fondato una comunità religiosa. Smascherato, è stato arrestato dalla polizia di Bari con l'accusa di aver abusato sessualmente di diversi minorenni. Il suo nome è Angelo Maria Chiriatti, 53 anni, di Lecce, ma in paese tutti lo conoscevano come padre Pietro Maria, viveva in una casa-chiesa tra Bari e Brindisi dove aveva sede la comunità di cui era sedicente fondatore, i missionari di nostra Signora della cava. L'arresto è stato fatto su richiesta del pm inquirente Lydia Deiure. I particolari sono stati resi noti da Vincenzo Speranza, questore di Bari, Luigi Liguori, dirigente della squadra mobile della Questura di Bari e da Pasquale Testini, dirigente della sezione minorenni della questura. L'uomo già in passato aveva avuto problemi con la giustizia, si professa sacerdote di rito cattolico, ma sia secondo la curia, sia secondo le indagini della polizia non è un religioso. Ora è accusato di violenza sessuale e di sostituzione di persona. Tutto sarebbe avvenuto nella scorsa estate, da famiglie indigenti si era fatto affidare cinque minorenni,li avrebbe accolti nel suo finto oratorio, che si trova tra le province di Bari e Brindisi, per poi abusarne sessualmente. Le indagini per ora continuano: è certo che ci siano state molte altre “vittime” del falso prete, ragazzini che, per timore, non avrebbero denunciato le violenze subite.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!