Un incontro con gli operatori per i diversamente abili

Alla regia: Loredana Capone

Ieri nella sala consiliare di Palazzo dei Celestini un incontro con gli operatori dei servizi per i diversamente abili e con i responsabili delle strutture residenziali e semi residenziali esistenti sul territorio provinciale

Ieri si è svolto nella sala consiliare di Palazzo dei Celestini, un incontro con gli operatori dei servizi per i diversamente abili e con i responsabili delle strutture residenziali e semi residenziali esistenti sul territorio provinciale. L’iniziativa è stata programmata dall’Osservatorio provinciale sulle Politiche sociali, in collaborazione con l’Osservatorio sociale della Regione Puglia. L’incontro è stato coordinato da Loredana Capone, dalla vice presidente della Provincia di Lecce e assessore alla Sicurezza e Qualità sociale. “Grazie alla creazione di questo Sistema Informativo – dichiara la vice presidente Loredana Capone – potremo superare i gap oggettivi che esistono, tra le varie aree del nostro territorio, nella erogazione dei servizi a favore dei portatori di handicap e loro familiari. Poche ancora le strutture e diffuse a macchia di leopardo. Grande il coraggio dei titolari che spesso ricevono le rette con grandi ritardi. Bisogna fare un salto nei servizi sociali e dobbiamo farlo tutti insieme: Regione, Provincia, Comuni, ASL e terzo settore. Guai se poi anche le strutture che ci sono e che forniscono servizi indispensabili a famiglie che altrimenti non saprebbero come fare perchè sole di fronte al dolore e ostacoli, rimanessero poco conosciute. Conoscere per programmare gli investimenti in questo settore è la chiave di lettura di tutta l’attività messa in campo dall’Osservatorio Sociale della Provincia che, attraverso il suo assessorato alle Politiche Sociale, continua dopo la raccolta dei dati relativi ad asili nido, strutture per anziani e strutture per minori, a fare la sua parte collaborando alla raccolta dei flussi informativi relativi alla disabilità”. La riunione di ieri con gli operatori delle strutture dedicate ai diversamente abili, ha avuto come finalità quella di conoscere in modo dettagliato e approfondito il funzionamento e l’organizzazione dei servizi presenti sul nostro territorio. Attraverso una serie di questionari, che saranno compilati a cura dai titolari delle strutture, e dopo l’inserimento di queste informazioni, tutti i cittadini utenti potranno accedere e conoscere in modo dettagliato una serie di informazioni quali il funzionamento e l’organizzazione dei servizi nelle varie strutture, la loro capienza, l’ubicazione, le professionalità presenti, le dimensioni degli spazi destinati agli ospiti, il numero e la dotazione dei servizi, il costo delle rette, e altro ancora.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!