Le Luci della Centrale Elettrica

Progetto inserito nella rassegna Tele e Ragnatele

La Rassegna Tele e Ragnatele si chiude stasera con il concerto di Vasco Brondi ed il suo progetto “Le luci della Centrale Elettrica”, un live con voce roca e chitarra

La rassegna Tele e Ragnatele della Saletta della Cultura Gregorio Vetrugno di Novoli, realizzata con il contributo della Regione Puglia e in collaborazione con la Cooperativa Coolclub, si chiude stasera con il concerto di uno degli esordi cantautoriali italiani più belli del 2008, ovvero il giovaneferrarese Vasco Brondi ed il suo progetto “Le Luci della Centrale Elettrica”. Voce roca e chitarra che malinconicamente narrano le vite di provincia tutte uguali. Vasco sarà accompagnato alla chitarra da Giorgio Canali, che ha anche prodotto il suo disco d'esordio “Canzoni da spiaggia deturpatata”, premiato con la Targa Tenco come miglior esordio. Vasco Brondi, ventiquattrenne ferrarese, propone un progetto di cantautorato denuclearizzato. Un cantautorato attualizzato, che non trascura le distorsioni sature, le frasi urlate, i ritmi ossessivi. Una chitarra acustica/distorta comprata a rate e una voce che sussurra urla e tossisce. “Da marzo scorso ho suonato in apertura di parecchi concerti di Moltheni grazie al paradossale interesse di quest'ultimo per Le luci della centrale elettrica”, sottolinea Brondi. “Aprii date anche di Vinicio Capossela, degli Ardecore, dei Franklin Delano, di Bugo, di Dente, dei Tre Allegri Ragazzi Morti, degli Zen Circus, e di Giorgio Canali. Ho stravolto Un Giorno Balordo per una compilation dei Diaframma voluta da Federico Fiumani in uscita a metà maggio e che vede la partecipazione tra gli altri di Marlene Kuntz, Baustelle, The Zen Circus, Dente, The Niro.”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!