Taviano. Io ho un sogno

Il progetto di solidarietà

Al progetto hanno aderito 15 associazioni che si impegnano, sottoscrivendo un protocollo d’intesa, a dedicare una loro iniziativa all’anno all’obiettivo comune

E’ stato presentato lo scorso 6 dicembre presso la sala polifunzionale del Palazzo Marchesale “De Franchis” di Taviano, il progetto di solidarietà “Io ho un sogno”. Si tratta di una raccolta fondi da destinare alla realizzazione di progetti specifici di sostegno alle persone in stato di bisogno, con particolare riferimento ai bambini e agli anziani. Il regolamento di gestione del fondo è stato approvato all’unanimità dal Consiglio comunale di Taviano, a riprova che anche la politica, quando vuole, sa spogliarsi di colori ed appartenenze per condividere un percorso importante come questo. I fondi raccolti saranno gestiti, sulla base di programmi annuali, da un comitato esecutivo composto da membri nominati in rappresentanza delle istituzioni locali (parrocchie, scuole, istituzioni). Hanno aderito al progetto 15 associazioni che si impegnano, sottoscrivendo un protocollo d’intesa, a dedicare una loro iniziativa all’anno per questo progetto. “L’obiettivo di questa iniziativa – ha precisato Dante Coronese, presidente del Consiglio comunale – non è solo raccogliere fondi, ma anche mettere assieme associazioni e cittadini per creare un clima nuovo, di partecipazione attiva, di risveglio complessivo. Questo progetto è un impegno cui chiamiamo tutta la nostra comunità, ma è anche una sfida. Una sfida contro i silenzi e l’indifferenza di questo nostro tempo troppo complicato. Sono convinto che una comunità si ritrova e si rigenera sui valori condivisi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!