La Sanità Malata. Viaggio nella Puglia di Vendola

A breve in libreria il testo di Maurizio Portulari, per GlocalEditrice

Un medico diventato direttore generale di una Asl e un manager venuto dal Nord raccontano la loro esperienza, delineando i mali che affliggono la Sanità del Mezzogiorno

Esperienze e spunti di riflessione sulla Sanità pugliese al tempo della “Rivoluzione gentile” del presidente Nichi Vendola. In arrivo in libreria “La Sanità Malata. Viaggio nella Puglia di Vendola”, scritto da Maurizio Portulari, prefazione di Michele Di Schiena, postfazione di Gianluigi Saraceni. Un medico diventato direttore generale di una Asl e un manager venuto dal Nord raccontano la loro esperienza, denunciano, segnalano, suggeriscono, propongono. Ne viene fuori uno spaccato impietoso e un’analisi coraggiosa dei mali che affliggono la Sanità del Mezzogiorno: dall’ingerenza della politica ai trasformismi manageriali, dal clientelismo alle speculazioni della casta dei medici, dalle pressioni dell’industria sanitaria e farmaceutica alle strumentalizzazioni delle associazioni di volontariato. Una radiografia che mette a fuoco e delinea con chiarezza i contorni di un’occasione mancata per il servizio pubblico di mettere al centro del suo impegno il cittadino-ammalato e che segna, forse, la fine di quel “momento magico” che la Sanità pugliese sembrava avviata a vivere. Maurizio Portaluri è medico ospedaliero, dirige il reparto di radioterapia dell’ospedale “Perrino” di Brindisi ed è stato per due anni Direttore generale della ASL di Andria-Barletta-Trani e dell’Istituto Tumori di Bari, incarico da cui si è dimesso nel dicembre 2007. Impegnato con Medicina Democratica nei movimenti per la tutela della salute. Ha pubblicato Di fabbrica si muore, Manni Editori, 2008. Michele Di Schiena è magistrato Presidente Onorario Aggiunto della Corte di Cassazione. Impegnato nella società civile con associazioni e movimenti in varie iniziative e campagne per la tutela e la promozione di diritti fondamentali della persona. Gianluigi Saraceni è dirigente amministrativo della sanità pubblica con diversi incarichi in Emilia Romagna e in Liguria. Dal 2005 è stato direttore amministrativo della ASL di Andria-Barletta-Trani, incarico da cui si è dimesso nel giugno 2008

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!