Foto alla droga da vendere

In manette un giovane di Cavallino

Faceva foto alla droga che doveva “piazzare” per invogliare i clienti all'acquisto. E' stato colto sul fatto, mentre raccoglieva inflorescenze da alcune piante di cannabis

Fotografava la merce da proporre ai clienti. Una sorta di catalogo da consultare prima di decidersi ad acquistare. E’ finito in manette Gian Vito Settanni, un 34enne insospettabile di Cavallino, sorpreso dagli agenti della sezione Antidroga della Questura di Lecce mentre era intento a raccogliere infiorescenze da alcune piante di cannabis coltivate nei pressi di un podere alla periferia di Lecce. Pare che il giovane avesse acquistato i semi via internet in siti specializzati in cui si spiegano anche le modalità di coltivazione e si danno consigli pratici agli interessati. E infatti Settanni quei consigli li aveva messi in pratica con scrupolo, adottando tecniche che avevano accelerato il normale percorso di germogliazione dei semi. Sono finiti sotto sequestro un totale di dieci piante alte tra 40 centimetri ed un metro, foglie varie delle stesse piante, semi di cannabis, materiale utilizzato per tagliare e pesare la sostanza, oltre a 120 euro in contanti ritenuti provento dell’attività di spaccio. Il 34enne è stata condotto in carcere a disposizione del pm Angela Rotondano.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!