Aforisma. Dieci anni ed un Bilancio sociale

Stamattina la presentazione presso Confindustria

Nell’attuale contesto economico e sociale è necessario puntare ad una formazione di qualità. E’ ciò che è emerso nella conferenza stampa di stamattina, durante la quale Aforisma, scuola di formazione manageriale, ha presentato al pubblico il proprio Bilancio sociale. Nessuna Business School privata l’aveva fatto prima d’ora

Nel 2007 Aforisma ha festeggiato dieci anni di attività. Una data significativa, percepita dalla Scuola come indiscutibile ed importante traguardo, ma anche come punto di partenza per il proseguimento di un lavoro capace di proiettarsi nel futuro, pur restando fedele al proprio vissuto e alla propria mission. L’anniversario ha stimolato il team aziendale ad investire tempo ed energia nella realizzazione di uno strumento che comunicasse, in maniera trasparente, gli aspetti economici e sociali della Scuola a tutti i suoi stakeholder e che permettesse di rafforzare il rapporto di fiducia con i diversi interlocutori sociali, coinvolti nell’esercizio dell’attività, direttamente o indirettamente. E’ frutto di questi intenti, il Bilancio Sociale 2006/2007 di Aforisma, redatto da tutto il gruppo di lavoro della Scuola e pubblicato a settembre 2008. Tale Bilancio è stato presentato stamattina presso Confindustria Lecce, associazione degli industriale di cui Aforisma è membro. Aforisma è la prima scuola italiana provata a pubblicare il proprio Bilancio sociale. Ad aprire l’incontro è stato Antonio Corvino, direttore di Confindustria Lecce, che ha sottolineato la necessità, nell’attuale panorama economico e sociale, di lavorare puntando all’eccellenza. E parlando di eccellenza ha introdotto l’attività di Aforisma e ha evidenziato quanto una formazione di qualità possa favorire la crescita e lo sviluppo del territorio, così come intesa e promossa da Aforisma, con i suoi master e i suoi corsi di specializzazione Ad entrare nel merito delle motivazioni alla base della pubblicazione del Bilancio Sociale è stata Elisabetta Salvati, presidente della Business School salentina e tra i fondatori di Aforisma. “Sin dagli inizi, Aforisma ha sempre avuto la consapevolezza dell’impatto sociale sul medio e sul lungo periodo che, inevitabilmente, una Scuola di formazione ha sul territorio. Ci è sembrato perciò un atto naturale – ha dichiarato – al compimento del decimo anno di attività, sottolineare questa attenzione verso gli impegni assunti, documentando con trasparenza nel Bilancio Sociale 2006-07 il lavoro svolto dalla Business School. Il Bilancio Sociale vuole essere la testimonianza del profilo etico proprio della nostra Scuola; ci auguriamo, inoltre, metta in rilievo le differenze tra Aforisma e altre scuole analoghe del territorio, che non dimostrano quel senso di responsabilità, che un ente di formazione è chiamato ad avere”. Il Bilancio ha offerto una fotografia fedele della Scuola e dei risultati che è stata in grado di ottenere nei suoi oltre dieci anni di attività: ad illustrare i dati salienti, emersi da questo lavoro, sono stati Andrea Salvati, socio Aforisma, e Lucia Vincenti, direttore Aforisma. Alla conferenza stampa hanno preso parte anche Sebastiano Schito di Ergho srl, società di consulenza che ha verificato l’attendibilità, la completezza e la comprensibilità dei dati indicati nel Bilancio Sociale, e Mario Maffei, responsabile marketing de “Il Tacco d’Italia” che ha collaborato con Aforisma nella stesura definitiva, nell’impaginazione e nella pubblicazione del Bilancio Sociale e del suo abstract.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!