Impianti termici. Tempo di controlli

Fino al 30 novembre per mettersi in regola

La Provincia di Lecce ha avviato il controllo dello stato di manutenzione, esercizio e rendimento di combustione degli impianti termici del territorio. Ecco che cosa spetta agli utenti e che cosa spetta ai manutentori, le scadenze e gli importi da versare

La Provincia ha avviato, per il biennio 2008-2009, l’attività di controllo sullo stato di manutenzione, esercizio e rendimento di combustione degli impianti termici ubicati sul territorio. Tutti i cittadini residenti in provincia dovranno, entro il 30 novembre 2008, individuare un manutentore al quale affidare il compito di trasmettere i dati relativi al proprio impianto. Inoltre, dovranno effettuare il versamento degli oneri di autodichiarazione, determinati secondo la potenza dell’impianto termico posseduto, in base alla tabella riportata in allegato. Infine, sarà compito degli utenti comunicare al proprio manutentore gli estremi del versamento effettuato. Il pagamento dell’onere di autodichiarazione potrà avvenire mediante versamento, da parte dell’utente, sul C.C.P. n. 28926715 intestato a Provincia di Lecce (causale del versamento: Autodichiarazione – biennio 2008/2009, seguita dal proprio codice fiscale) oppure, in alternativa, potrà essere effettuato dal manutentore, in forma singola o cumulativa, utilizzando le opportunità di pagamento elettronico (posta pay, bancoposta, carta di credito) offerte dal portale RISO. Compito dei manutentori è comunicare, entro il 30 novembre 2008, secondo le procedure previste sul portale RISO, sia i dati essenziali relativi agli impianti termici dei propri utenti, sia i dati relativi agli estremi del versamento effettuato dal titolare dell’impianto. Entro il 30 giugno 2009, invece, i manutentori dovranno trasmettere tutti i dati completi relativi agli impianti di propria competenza. L’avviso integrale è consultabile sul sito istituzionale www.provincia.le.it nella sezione “utilità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!