Rapina in un supermercato di Casarano

Bottino magro per i due malviventi

Pare abbiano portato via solo 500 euro. I carabinieri della stazione di Casarano sono sulle tracce dei due rapinatori, probabilmente del luogo, che l'altra sera hanno preso di mira il punto “Sidis supermercati” di via Cisternella

Rapina a mano armata l’altra sera in un supermercato di Casarano. Due uomini incappucciati ed armati di pistola hanno fatto irruzione presso il punto vendita “Sidis supermercati” di via Cisternella, nei pressi della stazione ferroviaria. I rapinatori, con il volto coperto da passamontagna, hanno puntato l’unica cassa attiva, molto vicina all’ingresso. Uno dei due ha bloccato alle spalle la cassiera intenta a servire un cliente, intimandole di restare ferma e calma; il complice, intanto, con fare svelto e risoluto, ha aperto la cassa ed ha arraffato tutto il denaro che c’era. I due malviventi sono quindi scappati a piedi in direzione di via Solferino, dove è facile dileguarsi nelle stradine adiacenti. La rapina è avvenuta intorno alle 20.45, quasi all’ora di chiusura del negozio, ma il bottino per i fuorilegge è stato assai magro: solo 500 euro. Ai carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Casarano, coordinati dal tenente Riccardo Urciuoli, intervenuti sul posto, i testimoni della rapina – il personale del supermercato e i clienti – hanno riferito che probabilmente i due banditi erano molto giovani (dall’apparente età tra i 17 e i 19 anni) e, a giudicare dalle poche parole che hanno usato, del luogo. I carabinieri hanno immediatamente attivato tutte le misure atte ad assicurare i responsabili alla giustizia, a cominciare dai posti di blocco attuati subito dopo la rapina e la scorsa notte. Ieri i militari hanno anche convocato in caserma alcuni sospettati per verificarne la relativa posizione. Gli investigatori sono convinti che i due ragazzini abbiano agito da soli e che siano di Casarano. Il punto vendita dei “Supermercati Sidis” appartiene alla catena di supermercati del Gruppo Scarlino di Taurisano. Il negozio di via Cisternella, in particolare, era stato oggetto di rapine in altre quattro occasioni. Probabilmente per la posizione abbastanza decentrata del punto vendita, situato in una zona della città non molto frequentata, soprattutto di sera, e molto vicino alle principali vie di fuga (via Solferino e via IV Novembre).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!