Nardò. E' ancora crisi

La dichiaraizone di Antonio Vaglio

Nardò continua a respirare aria di crisi. Antonio Vaglio, primo cittadino, ha chiesto agli esponenti del Pd di comunicare chi è con la maggioranza e chi no

di Antonio Vaglio* E’ evidente, dalle dichiarazioni rilasciate dal consigliere comunale Maurizio Leuzzi, che la crisi, che ritenevo superata, non lo è affatto. Mi attendo ora assoluta chiarezza da parte del Pd che dovrebbe comunicare, prima a se stesso e poi al sindaco ed agli alleati, quanti e quali consiglieri sono con la maggioranza, e se il partito parla in modo univoco o a più voci. Se da una parte, infatti, sentiamo proclami a nome del partito, dall’altra assistiamo ad uscite quantomeno estemporanee. Il Pd, o dovrei dire parte di esso, nel corso dell’epilogo della crisi che ha coinvolto l’intera giunta e l’intera maggioranza, ha convenuto che non era difendibile la posizione di un assessore che era stato sfiduciato dal proprio gruppo ed ha dato quindi il via libera alla nascita della nuova giunta. Al di là delle sortite dei singoli, alle quali siamo ormai da tempo abituati, è venuto quindi il momento che il gruppo consiliare del Pd e l’intero partito facciano chiarezza. O ritengono la crisi risolta, e conseguentemente prendono politicamente le distanze dall’iniziativa giudiziaria intrapresa dall’ex assessore Prete, al quale va la stima personale ed il rispetto di tutti, o evidentemente negli ultimi dieci giorni abbiamo scherzato. Se il Pd non ritiene di dover fare chiarezza una volta per tutte, la crisi è riaperta e l’orologio tornerà alla sera del 19 luglio scorso. *sindaco di Nardò

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!