Neurochirurgia al Ferrari. Lo chiede [email protected]à

La nota inviata dal presidente dell'associazione alla III Commissione consiliare regionale

L'unico reparto di Neurochirurgia in provincia si trova presso l'ospedale “Vito Fazzi” di Lecce. L'associazione casaranese [email protected]à chiede alla Regione che ne venga aperto uno anche al “Ferrari” di Casarano

L’associazione “[email protected]à” ha chiesto la riattivazione presso l’ospedale “Francesco Ferrari” di Casarano del reparto di Neurochirurgia. Lo ha annunciato Salvatore Ferilli, presidente della stessa associazione, in un comunicato stampa emesso alcuni giorni fa. Nella nota il presidente di “[email protected]à” rivela che, come previsto dallo Statuto della Regione Puglia e dal Regolamento interno del Consiglio regionale, con un’e-mail, inviata il 5 luglio scorso, a Leonardo Marino, presidente della III Commissione Consiliare (Assistenza Sanitaria e Servizi Sociali), ha richiesto un’audizione in occasione della discussione per l’adozione, da parte del Consiglio Regionale della Puglia, del nuovo Piano Regionale della Salute. “L’Associazione – si legge nella nota – vuole innanzitutto mettere al centro della sua richiesta di audizione la riattivazione presso l’ospedale Francesco Ferrari di Casarano del reparto di Neurochirurgia. Lo stesso reparto era già previsto dal piano varato dalla Giunta Fitto, ma non è stato mai attivato dai direttori generali che si sono succeduti in questi anni. Oltretutto – osserva Ferilli – la attivazione del reparto di Neurochirurgia riveste una particolare importanza per il territorio di Casarano e del suo interland in quanto l’unico reparto presente in provincia di Lecce è quello presente presso l’ospedale Vito Fazzi di Lecce. L’assenza del reparto di Neurochirurgia – conclude la nota – si avverte soprattutto in occasione del periodo estivo quando il numero degli incidenti, anche gravi, cresce in modo sensibile”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!