Al via il disegno di legge per l'istituzione di una oleoteca ed elaioteca regionale

Le dichiarazioni dell'Ass. Prov. Cosimo Durante in merito al disegno di legge istituente un elaioteca ed oleoteca regionali

Al via il disegno di legge per l’istituzione di una enoteca ed elaioteca regionale: è quanto ha deciso in una recente seduta il consiglio regionale della Puglia. Abbiamo riportato la dichiarazione dell' Ass. Cosimo Durante

Al via il disegno di legge per l’istituzione di una enoteca ed elaioteca regionale: è quanto ha deciso nella seduta di ieri, all’unanimità, il consiglio regionale della Puglia. Una legge che tutelerà la promozione e la valorizzazione dell’olio e del vino pugliesi e, di conseguenza, dei relativi territori della regione. “Non posso che sposare appieno il disegno di legge licenziato all’unanimità dal consiglio regionale pugliese in merito all’istituzione di una enoteca ed elaioteca regionale. Un plauso particolare – afferma il dr. Cosimo Durante, assessore con delega all'agricoltura ed alle attività produttive per la Provincia di Lecce – intendo rivolgerlo all’assessore regionale Enzo Russo, che ha perseguito con forza un provvedimento che intende valorizzare le nostre produzioni, di vino ed olio nello specifico, e le nostre eccellenze. Questo non è altro che il viatico di un processo che rappresenterà una vetrina della qualità e della trasparenza delle nostre produzioni, che faranno ulteriormente conoscere i nostri vini ed i nostri oli agli operatori di mercato, alla stampa specializzata ed ai turisti che giungono nel Salento in ogni periodo dell’anno, prosegue l’assesore Forti di questo provvedimento regionale, come Provincia di Lecce continueremo a sostenere la viticoltura e l’olivicoltura con l’impegno di sempre e ci adopereremo per garantire ogni azione che favorisca la qualità del prodotto e la sua identità già affermata nel mondo” – conclude Durante.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!