Da Profico a Basile, una storia lunga un secolo

15 giugno: caso o premeditazione

Il 15 giugno 1922 moriva assassinato da un fascista Cosimo Profico, un uomo del popolo impegnato per la distribuzione della terra del demanio ai contadini. Il 15 giugno 2008 muore Peppino Basile, un uomo del popolo che stava raccogliendo documenti per contrastare le speculazioni in atto nel demanio e sulla cementificazione del parco naturale

15 giugno 1922. In Piazza Colonna ad Ugento Cosimo Profico, bracciante agricolo impegnato nella lotta per la distribuzione della terra del demanio ai contadini, viene barbaramente ucciso con 4 colpi di pistola alla nuca. 15 giugno 2008. In Via Nizza ad Ugento Peppino Basile, consigliere comunale e provinciale di Italia dei Valori, strenuo “difensore degli interessi del popolo” e oppositore dell’amministrazione comunale di centro-destra, viene barbaramente ucciso con 19 coltellate. Tra i due delitti, destinati a segnare in maniera indelebile la storia di questo paese, non ci può essere alcun collegamento, non fosse altro che per il tempo intercorso tra il primo e il secondo, 86 anni. Ma è stato il caso a volere che venissero commessi lo stesso giorno: il 15 giugno? C’è da domandarsi, infatti se ci sia un’analogia tra il contesto in cui qualcuno armò la mano di Luigi Ancora, l’omicida di Cosimo Profico, e quello attuale in cui è maturata la barbara esecuzione di Peppino Basile. (Per saperne di più su Cosimo Profico e sulla sua attività leggi il Tacco d’Italia in edicola)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!