Cronaca di un omicidio annunciato

Le tre piste degli inquirenti

Le indagini sull’omicidio Basile, ormai portato a segno diversi giorni fa, non escludono alcuna pista e proseguono a 360 gradi. Vengono battute tutte le piste: quella passionale, quella privata e quella amministrativa

Quando gli abitanti di via Nizza intorno alla 1,45 di domenica 15 agosto vennero svegliati dai lamenti e dalle flebili richieste d’aiuto, ormai Peppino Basile stava spirando. Il corpo asciutto e muscoloso di questo muratore infaticabile non aveva potuto reggere alle 19 coltellate che aveva ricevuto in un agguato tesogli proprio sulla porta di casa. Era appena rientrato ed aveva parcheggiato la Panda nel cortile della sua villetta, quando qualcuno deve averlo chiamato dalla strada e sull’uscio del portoncino d’entrata si è consumato uno dei più efferati e ributtanti omicidi della storia criminale salentina. Ben 19 coltellate, di cui 15 portate a segno al cuore e ai polmoni, inferte con un accanimento indescrivibile. Ma chi poteva provare tanto odio da arrivare ad infierire sull’esponente comunale e provinciale di Italia dei Valori con una tale brutalità? L’interrogativo è ancora sulla bocca degli inquirenti, magistratura, carabinieri e polizia, che a distanza di più di due settimane proseguono le indagini senza escludere nessuna ipotesi investigativa. Sul luogo del delitto gli inquirenti non avevano trovato nessuna traccia dell’arma usata per far tacere per sempre una voce scomoda ma libera ed avevano cominciato a battere tre piste: quella del delitto passionale, quella del movente privato e quella del movente politico. (Leggi i dettagli sulle indagini sul Tacco d’Italia in edicola)

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!