La moda salentina attende l'America

Lunedì il primo workshop con i buyers Usa

Il primo dei workshop tra aziende salentine del settore moda ed i compratori americani, nell'ambito del Progetto di Internazionalizzazione del Pit9, si svolgerà lunedì prossimo. La missione della delegazione Usa in Salento andrà avanti fino all'11 luglio

Sarà un workshop di presentazione ad aprire, alle 18.30 di lunedì (Sala Carra, zona industriale Casarano), la missione degli operatori economici americani in visita nel Salento fino all’11 luglio prossimo, nell’ambito del Programma Internazionalizzazione Pit 9 rivolto agli Stati Uniti. La delegazione americana, composta da due giornalisti e sette buyer provenienti da Texas, Florida, California, Georgia, incontrerà le imprese salentine della moda in occasione del workshop del primo giorno e in successive visite in azienda e nei B2B. Quella della prossima settimana sarà la prima delle due missioni di buyer Usa (la seconda si terrà a settembre) e riveste una particolare importanza strategica anche in vista della missione salentina New York prevista dal 21 al 27 luglio prossimi. Jeans uomo-donna, accessori in pelle, calzature, abiti da cerimonia, costumi da bagno, cravatte, cappelli, maglieria, camicie: questo il raggio d’azione coperto dai compratori americani. L’Italia, nonostante la forte concorrenza da parte delle nuove potenze asiatiche, è il primo Paese europeo ad esportare confezioni con prodotti di abbigliamento, calzature e pelletteria, con un esercito di circa 100mila aziende. Naturalmente, all’interno delle esportazioni italiane, le imprese salentine rappresentano ancora una piccola percentuale (6% per abbigliamento e 7,5% per calzature e pelletteria), ma dagli studi effettuati nell’ambito del Programma Internazionalizzazione Pit 9 si evince che il prodotto Salento, attraverso opportune azioni di comunicazione ed accordi istituzionali e commerciali con le più grandi catene distributive, può realisticamente incrementare le quote attuali.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!