Non chiamateli solo rifiuti

Il convegno BaSIN a Casarano

Saranno illustrate in un convegno, che si terrà nel pomeriggio di oggi a Casarano, le azioni già messe in campo e quelle programmate nell'ambito del progetto Basso Salento Industrial Networking. Obiettivo: trovare opportunità di crescita nei rifiuti

Il rifiuto può diventare un’opportunità di crescita. E’ questo il concetto alla base del progetto Basso Salento Industrial Networking che, nell’ambito del Pit9, punta a coinvolgere le imprese nella gestione sostenibile del ciclo dei rifiuti. Di questo si discuterà nel corso del convegno che si terrà alle ore 17.30 di oggi presso il chiostro del Comune di Casarano, dove verrà presentato il progetto ed illustrati i risultati del lavoro di sensibilizzazione al tema. Obiettivi del progetto, la costituzione di un mercato di materie prime secondarie e sottoprodotti, la realizzazione di una Rete ambientale che renda fruibili a tutti le informazioni sulla reale produzione di rifiuti ed emissioni sul territorio, la stima dei “costi ambientali” in termini di consumo di risorse naturali ed inquinamento nella produzione delle imprese locali (cosiddetto LCA – analisi del ciclo di vita dei prodotti) per agevolare l’accesso delle aziende alle certificazioni ambientali Emas, Iso 14.000 ed Ecolabel, la realizzazione di un Portale di servizio. Ricchissimo il parterre di relatori (moderatore e animatore Tonio Tondo, giornalista, inviato “Gazzetta del Mezzogiorno”), che vede nella prima parte gli interventi di Remigio Venuti, sindaco di Casarano, capofila Pit9, Silvio Astore, sindaco di Poggiardo, presidente Assemblea dei Sindaci Pit9, Gianni Scognamillo, assessore all’Ambiente Provincia di Lecce, Gianmaria Gasperi, direttore Scuola Emas ed Ecolabel, Puglia, Grazia Barberio, Segreteria tecnica Rete italiana Lca, Enea, Francesco Causo, Project manager BaSIN. Subito dopo la tavola rotonda su “La gestione dei rifiuti in un processo produttivo di qualità” cui parteciperanno Alfredo Prete, presidente Camera di Commercio, Michela Specchiarello, facoltà di Economia Università del Salento, Antonio Corvino, direttore Confindustria Lecce, Giuseppe Petruzzi, Project manager progetto “Ampliamento e consolidamento Suap” del Pit9, Martino Nicolazzo, Elata srl, Luciano Barbetta, Barbetta srl, Massimo Porreca, Certiquality, Walter Ganapini, assessore all’Ambiente Regione Campania, Antonello Antonicelli, dirigente Settore Ecologia Regione Puglia. Conclusioni di Sandro Frisullo, vicepresidente Regione Puglia e assessore allo Sviluppo Economico.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!