“Un solido polo universitario jonico”

Poli appoggia la proposta del Comitato Qualità della Vita di Taranto

Una petizione per lo sviluppo ed il consolidamento del Polo universitario jonico nell’ottica dell’Università di Taranto. Adriana Poli Bortone sostiene l'iniziativa del Comitato presieduto da Carmine Carlucci

Adriana Poli Bortone, senatrice del Popolo della Libertà e coordinatrice di Alleanza Nazionale in Puglia, accoglie con favore l’iniziativa del Comitato per la Qualità della Vita di Taranto (presieduto da Carmine Carlucci) che chiede con una petizione lo sviluppo ed il consolidamento del Polo universitario jonico nell’ottica dell’Università di Taranto. Una sollecitazione da parte del Comitato (e relativa alla prospettiva di un compiuto centro universitario nella città di Taranto) che riguarda enti locali e forze culturali, economiche e politiche del territorio. “Davvero interessante, oltre che opportuna ed urgente, l’iniziativa del professor Carmine Carlucci – evidenzia Poli Bortone -; un polo universitario jonico non può essere affidato all’improvvisazione, ma non può che scaturire da una ampia condivisione con il territorio e da una programmazione concertata che derivi dal saper registrare esigenze, vocazioni, reali possibilità di offrire formazioni altamente qualificate e garanzia di lavoro. Taranto più che mai ha l’esigenza di promuovere occasioni importanti di sviluppo territoriale nell’ambito del quale possano essere soddisfatte le esigenze lavorative di giovani professionisti altrimenti destinati al consueto quanto dannoso esodo dei cervelli. Bisogna fermarsi (ma non sine die) – continua – per ridiscutere sul territorio il complesso del ‘problema Università jonica’, sollecitando, peraltro, anche quei privati che ben potrebbero investire risorse nell’ università e nella ricerca a beneficio del territorio, dei nuovi professionisti e dell’università in genere. Nel Nord Italia le Università traggono notevole beneficio dal corretto quanto proficuo ed istituzionalizzato rapporto fra pubblico e privato. Ritengo sia un impegno cui bisogna fare grande attenzione per dare corpo e sostanza alle giuste esigenze rappresentate dal Comitato”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!