Casarano. Una villa sigillata

Abusivismo edilizio in contrada Pietrabianca

Il cantiere, di ben 1.700 metri quadrati, era ben celato all’interno di un fondo privato da una fitta vegetazione. La facciata che si intravedeva dall'esterno appariva conforme al progetto approvato che limitava, però, la costruzione a soli 140 metri quadrati

Sigilli ad villa abusiva in contrada Pietrabianca a Casarano. Un’imponente costruzione pari a circa 1.700 metri quadrati stava sorgendo a ridosso del popolare quartiere periferico cittadino, lungo via Alto Adige. Il cantiere era ben celato all’interno di un fondo privato da una fitta vegetazione che lasciava intravedere solo una parte del prospetto principale. Questa facciata appariva conforme al progetto regolarmente approvato che limitava, però, la costruzione a soli 140 metri quadrati. La difformità riguarda dunque i restanti 1.300 metri quadrati per i quali sono intervenuti gli agenti della locale Polizia Municipale sollecitati da una segnalazione. La costruzione, attualmente allo stato rustico, si stava sviluppando su tre livelli: un seminterrato, un piano terra ed un primo piano. Al momento del sequestro una squadra di operai era intenta a lavorare applicando del cemento espanso. Visto lo stato di avanzamento dell’opera si può ritenere che i lavori fossero avviati da alcuni mesi. A favorire l’abuso è stato proprio l’alto muro di recinzione che circonda il fondo. I 2,70 metri di altezza impedivano, infatti, a chiunque di potersi accorgersi della costruzione in corso di realizzazione anche perché, seppur in piccolissima parte, l’edificazione era pur stata autorizzata. Terminate le indagini della Polizia Municipale, spetterà ora alla Procura della Repubblica di Lecce convalidare, entro 48 ore, il sequestro decidendo se avviare o meno il relativo procedimento a carico degli imputati. Vista l’entità dell’abuso non è esclusa neppure la necessità di un supplemento di indagini. La zona di Pietrabianca è di recente edificazione e sorge nella parte alta della città, al confine con il comune di Matino. Nel quartiere abitano da alcuni anni numerosi nuclei familiari ma numerose sono anche le villette edificate lungo via Alto Adige, la strada che dal centro cittadino conduce al quartiere. Tra queste quella cui sono stati posti ieri mattino i sigilli. A Pietrabianca sorge anche la palestra polivalente ed è stata da poco avviata l’edificazione della nuova parrocchia dedicata ai Santi Giuseppe da Copertino e Pio da Pietralcina.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!