Acas adotta l'arte

Il convegno del 21 giugno a Casarano

L'Acas, Associazione commercianti, artigiani e servizi, di Casarano ha deciso di sponsorizzare il restauro della pala d’altare seicentesca “Le anime del Purgatorio”, collocata nella Chiesa Matrice di Casarano e gravemente compromessa dal tempo. Il 21 giugno, in un convegno presso il Cinema Manzoni, i dettagli dell'iniziativa

L’Acas, Associazione commercianti, artigiani e servizi di Casarano, è promotrice di un importante progetto culturale: il restauro della pala d’altare seicentesca “Le anime del Purgatorio” di Coppola. Un’opera imponente, collocata nella Chiesa Matrice di Casarano e gravemente compromessa dal tempo. Acas ha deciso di sponsorizzare questo progetto restituendo alla città un dipinto molto amato. La cultura, l’arte e il recupero del patrimonio storico-architettonico divengono così un elemento di promozione del territorio. Forte di questa esperienza, Acas e l’assessorato alla Cultura del Comune di Casarano promuovono il convegno “Adotta l’arte… promuovi Casarano”, previsto presso il cinema Manzoni di Casarano il prossimo 21 giugno alle ore 9.30. Il convegno si svolgerà secondo il seguente programma: Saluti Remigio Venuti, sindaco di Casarano Michele D’Elia, già sovrintendente Beni artistici e storici della Basilicata e già direttore dell’Istituto Centrale di Restauro di Roma Interventi Claudio Pedone, assessore alla Cultura del Comune di Casarano Rosanna Lerede, docente del corso di Conservazione e restauro dell’Accademia di Belle Arti di Lecce Don Santino Bove, Ufficio diocesano Beni culturali ed ecclesiastici della curia vescovile di Nardò-Gallipoli Antonio Fabbiano, presidente Acas Daniela Lorenzo, avvocato tributarista, partner Studio legale avv. Pierluigi Villani – Lecce, Maglie, Casarano Raffaello De Ruggeri, presidente Fondazione Zetema di Matera Mario Maffei, Club Cultura Confindustria Lecce Danilo Lupo, giornalista Telerama – Gruppo Mixer Media Conduce Francesca Vitali E’ previsto un coffee break offerto da “Made in Casarano”

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!